Quest’anno il partner solidale è la Parrocchia di Gesù Cristo Risuscitato a Salvador de Bahia dove si è recentemente trasferito Don Davide Ferretti, un nostro calciatore. Ora è in missione in una Favela di Salvador e sta animando un progetto di educazione e sport.

La parrocchia ha circa 35 mila abitanti di cui solo il 30% è cattolico. Lo sport è un’occasione di aggregazione ed educazione per togliere i giovani dalla strada.

Il cortile della parrocchia è un’isola sicura.

Siamo dall’altra parte del mondo a Salvador de Bahia, le stagioni sono invertite e nella realtà equatoriale le giornate durano sempre 12 h.

Appena fuori dal cancello comincia la povertà e le strade della Favela non garantiscono Legalità e sicurezza

Durante l’anno 2019 è stato proposto un incontro settimanale di “allenamento”. L’anno scorso ha coinvolto circa 60 ragazzi. L’attività sportiva si è conclusa con l’organizzare alcuni tornei perché non è ancora possibile realizzare un vero e proprio campionato giovanile nella favela. Il calcio è un momento di aggregazione e occasione di disciplina e riscatto per tanti ragazzi.

La SIC si impegna a sostenere l’annata sportiva 2020 animata da don Davide

Ragazzi al campetto per i giochi organizzati dalla Parrocchia

La Favela nasce “dall’invasione” che i poveri di una certa regione hanno fatto occupando lo spazio libero ai margini della città, all’inizio ci sono baracche e palafitte, successivamente qualche muro e progressivamente il territorio della Favela ambisce ad essere riconosciuto come un nuovo quartiere. Poiché la voglia di lavorare non manca in 100 anni potrebbe avvenire il processo che in alcune città europee si è svolto in 1000 anni. Ora la povertà nella Parrocchia di Cristo Risuscitato è dilagante e lo Stato, è assente, solo le forze dell’Ordine compaiono ma sono viste solo come repressive e (forse) corruttibili.

Questa foto esprime bene la realtà della Favela: il desiderio di costruirsi in città una vita migliore e nel contempo l’incredibile penuria di mezzi per farlo.

La merenda offerta in parrocchia è un piatto abbondante di lasagne. Dopo il gioco il cibo. Per alcuni è l’unico vero pasto della giornata

OBBIETTIVI:

Tutto il necessario per l’attività sportiva 2020 di 60 ragazzi:

si paga il materiale sportivo, scarpe comprese, fino alla merenda (l’unico pasto per alcuni) inoltre il necessario per i vari tornei che vengono organizzati a fine anno

L’illuminazione del campetto.

È è il costo del progetto per illuminare il campo e renderlo fruibile dopo il tramonto del sole. In genere a Salvador, vicino all’equatore, ci sono sempre 12 ore di sole e 12 ore di buio.

La copertura del campetto.

Il sogno è arrivare a coprire il campetto e renderlo utilizzabile anche quando piove. Nella stagione secca a Salvador de Bahia piove comunque il 20% delle giornate nella stagione piovosa la percentuale sale al 50%.

oppure sostieni l’associazione con

SIC Sacerdoti Italia Calcio CF 98193380171

oppure fa un bonifico

con causale “progetto Bahia 2020”

cod. IBAN IT95N0839355070003090015786